La prima opera macro in ferro

Due sculture alte 5 metri realizzate per una rotonda a Livigno.

Siamo a luglio 2021 e il sindaco di Livigno Remo Galli mi chiede di "buttar giù" idee e una bozza per un'opera della nuova rotatoria Pémont-Dala Gesa.  Il tema deve essere legato all'agricoltura, alla tradizione e al mondo contadino. Inizialmente ho avuto delle perplessità ma la sfida era troppo accattivante... quindi mi sono chiesta quale soggetto fosse nelle mie corde e come avrei potuto realizzarlo seguendo il mio filo conduttore di questi ultimi anni: l'equilibrio precario unito al macro. 

Ho escluso subito una scena scontata, ma cercavo un figurativo originale che catturasse l'attenzione ma che allo stesso tempo fosse di facile lettura per i passanti. Ho quindi scelto di rappresentare la vita rurale attraverso degli strumenti e attrezzi di lavoro che hanno attirato la mia attenzione sia come forma che significato. Ho giocato su un binomio di opere: una legata ai recipienti per il latte e l'altra dedicata agli attrezzi inerenti la fienagione. La scelta è stata determinata anche dal fatto che la centralità della rotonda era occupata da un lampione e non potendo, nè volendo, spostarlo ho cercato di farlo diventare un valore aggiunto a quello che avrei realizzato. Per arrivare all'opera definitiva in ferro, ho realizzato disegni, bozzetti in plastilina, sculture di legno. Una volta finita l'installazione, presa dall'entusiarmo ho creato anche quadri e piccole riproduzioni in bronzo. 

Nasce così "EQUILIBRIO & AGRICOLTURA" un'opera dedicata al settore primario e alle fatiche dei nostri avi. Gli oggetti macro sono i recipienti del latte: La Penèglia (recipente per trasportare il latte a spalla dalla stalla alla latteria); Al Sédel o Sécia (secchio in legno con il manico in metallo usato per alimentare il bestiame o come contenitore del latte durante la mungitura); un Mestolo utilizzato per mescolare o filtrare il latte in varie fasi della sua lavorazione. La seconda scultura è invece composta dagli attrezzi inerenti la fienagione: Al Sgèrlo (cesta in legno, vimini intrecciati a forma di tronco di cono rovesciato adibito al trasporto del fieno e alla raccolta del legname); Al Resc'tèl (rastrello in legno per raggruppare e catturare l'erba e il fieno); Al Resc'teglìn del sc'ternùm (rastrellino per la segatura).

Gli oggetti macro sono posti in equilibrio precario, instabile, surreale... diventano forme in movimento con vuoti e pieni con rapporti di grandezza volutamente diversi tra loro. 

L'OPERA VUOLE FAR RIFLETTERE:
...gli oggetti dei contadini stanno cadendo o riescono a sostenere i ritmi della modernità?
...reggono i tempi che cambiano?
...rimarranno solo oggetti da museo?
...tornerà un momento futuro in cui verranno ancora utilizzati?

La SFIDA
Realizzare tale opera è stata una sfida sotto molti punti di vista: in primis la grandezza. Il fatto che fosse un'opera pubblica permanente mi ha messo una certa agitazione...bisognava soddisfare il committente che in questo caso era la mia comunità! Un'altra sfida è rappresentata anche dalla lavorazione del ferro con le sue caratteristiche, i suoi limiti e pregi, i suoi pesi e la sua poca malleabilità. 

CURIOSITÀ
Ho perso molte ore di sonno... (meglio non quantificarle) !
Il rastrello è lungo 5 metri!
La Penèglia è alta 2 m. e 50 cm e il suo tappo ha un diametro di 75 cm. !
Ci sono voluti 45 giorni per costruire l'opera in officina e montarla in loco!
Una parte di un attrezzo è costituita da fascioni per l'edilizia: indovina dove...?
19 settembre 2022 si inizia l'opera!

GRAZIEEEE
In primis grazie all'Amministrazione per la fiducia.
Grazie al super fabbro Simone Galli di Ferstyle che ha sposato e sostenuto il mio progetto e a tutti i suoi collaboratori che si sono lasciati coinvolgere e appassionare nella realizzazione di opere tridimensionali così grandi e complicate.  

Guarda il video dedicato 👇

Vania Cusini

Titolo utlime notizie news

Testo ultime notizie news

La mia arte vestita di bianco

Come nasce la mia passione per scolpire la neve.

Israele... una scultura di eucalipto

Siamo nel 2018, sono emozionata. Vado in Israele a fare una scultura.

tutti gli articoli
Vania Cusini

Esperienze, arte, vita.

Conosciamoci meglio attraverso la mia bio, i miei progetti e quello che scrivono su di me.